timbro pennello.png, Mar. 2020“Ogni volta che dipingevo avevo l’abitudine di mettere la data sulla tela. Così a un certo punto ho semplicemente pensato di usare questa data per realizzare interi ritratti.”

Lui la fa tanto semplice, ma non è da tutti realizzare un quadro con un timbro come pennello. Richiede non solo una certa padronanza dello strumento, ma anche un’inesauribile pazienza. L’artista Federico Petrella di origini romane ma trapiantato a Berlino, con minuziosa e certosina dedizione, riesce a sfornare uno dei suoi capolavori ad inchiostro in circa tre mesi. Non ci credete? Ebbene, potete verificarlo, perché, attraverso la datazione del timbro, si può collocare l’opera nel suo sviluppo temporale.

Il risultato è sorprendente: le opere replicano scene di vita quotidiana o scorci di paesaggi cittadini e non con uno stile nuovo ed originale, ma soprattutto realistico. L’effetto ricorda più una vecchia fotografia in bianco e nero sgualcita che un “semplice” disegno. I quadri di questo artista sono molto apprezzati tanto che uno di essi può arrivare a valere anche 20.000 euro. Chissà se possiamo realizzarne uno anche con i timbri autoinchiostranti che si trovano su etimbri?